Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra Privacy & Cookie PolicyOK Accetto
logo-w2e

Facebook Shops: pro e contro di avere un negozio integrato a una grande piattaforma social



Facebook Shops: pro e contro di avere un negozio integrato a una grande piattaforma social
E-Commerce

30/06/2020

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha rivelato che l’idea di progettare la nuova funzionalità Facebook Shops è nata per venire incontro a molte piccole aziende che non hanno mai avuto un eCommerce e durante la pandemia, per non far fallire il proprio business, hanno dovuto sperimentare la vendita online per la prima volta.

Facciamo un po’ di chiarezza: cosa sono i Facebook Shops e a cosa servono?

I Facebook Shops sono un’innovativa tipologia di negozio online al quale i clienti possono accedere sia da Facebook che da Instagram. La creazione dello Shop è molto semplice. Le aziende possono scegliere i prodotti che vogliono inserire nel loro catalogo e personalizzare leggermente il look del proprio negozio con un’immagine di copertina e con i colori che rimandano allo stile del brand.

Zuckerberg ha spiegato che “come in un negozio fisico” quando si ha bisogno di aiuto si può chiedere a un commesso, nei Facebook Shops si potrà inviare un messaggio all’azienda attraverso WhatsApp, Messenger o Instagram Direct per fare domande, ottenere supporto e monitorare le consegne.

Uno degli aspetti principali è che lo spazio di vendita sarà attivo in tutto l’ecosistema di Facebook. Basterà impostare lo shop una volta sola per poterlo utilizzare sia su Facebook che su Instagram e, a breve, anche su WhatsApp e Messenger. In questo modo saranno facilitati anche i clienti ad acquistare su tutte le piattaforme con un click semplice e immediato, senza dover inserire ogni volta i propri dati di acquisto.

Inoltre per i consumatori sarà sicuramente un’esperienza molto interattiva. Grazie alla Realtà Aumentata, prima di procedere all’acquisto, si potrà simulare la presenza dei prodotti nella propria camera da letto o provarli direttamente, ad esempio con i vestiti o i prodotti di make up. 

Facebook Shops: app di Facebook aperta su uno smartphone

Facebook Shops è davvero la soluzione per vendere online?

Sicuramente questa nuova funzionalità introdotta da Facebook sarà di supporto per molte aziende che hanno vissuto e stanno vivendo tutt’ora un momento di grande difficoltà. L’apertura dello shop è totalmente gratuita ma sarà ovviamente necessario investire in campagne pubblicitarie per promuovere e far notare i propri prodotti nel mare del mercato online.

Tuttavia, le opzioni di personalizzazione del proprio shop al momento sono davvero poche. In che modo si potrà personalizzare il negozio? Come abbiamo detto precedentemente, per ora sappiamo che le uniche cose che si potranno modificare sono:

  • Testi 
  • Immagine di copertina
  • Colore della pagina del negozio
  • Organizzazione dei prodotti in diverse raccolte (ogni raccolta avrà un nome, una descrizione, un’immagine di copertina e potrà contenere da 6 a 30 prodotti).

L’aspetto di ogni shop sarà molto standardizzato e solo i prodotti esposti differenzieranno un brand dall’altro. Soprattutto, il “negozio” sarà una parte integrante delle piattaforme social di casa Facebook e al momento non è chiaro come si interfaccerà con i motori di ricerca. Probabilmente per acquistare si dovrà avere obbligatoriamente un account Facebook o Instagram e la vendita non sarà libera a tutti come lo è sugli eCommerce.

Cosa si può vendere attraverso questi shops?

Quelle che ti stiamo per elencare sono solo alcune fra le principali categorie di prodotti e servizi che per il momento non sono ammesse dalle normative sulle vendite di Facebook:

  • Prodotti per adulti
  • Alcol
  • Parti e fluidi del corpo umano (tranne le extension per capelli e parrucche)
  • Contenuti multimediali digitali e dispositivi elettronici che agevolano o incoraggiano lo streaming di contenuti digitali in modo non autorizzato 
  • Documenti, denaro, strumenti finanziari (ad esempio assegni, carte di credito, criptovaluta, apparecchiature per la creazione di valuta)
  • Gioco d’azzardo
  • Beni e materiali pericolosi come insetticidi, sostanze e prodotti infiammabili
  • Integratori
  • Offerte di lavoro
  • Prodotti medici e per la salute
  • Abbonamenti e prodotti digitali come coupon, account digitali, servizi di streaming 

In conclusione, come accade per tutte le soluzioni di business che offre il mondo di Internet, è importante valutare se questo nuovo strumento può rappresentare davvero un’occasione per il tuo brand. Sicuramente i Facebook Shops porteranno una grande novità nel settore della vendita online, ma al momento, per struttura e funzionalità, non sembrano poter sostituire gli eCommerce, che resteranno la principale piattaforma di shopping online.

Condividi su:

Scopri la nostra checklist sulla Digital Transformation.

Copyright 2020 | Web To Emotions

made with by Web To Emotions